Buon compleanno Insulina - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Menu principale:

Buon compleanno Insulina

Argomenti trattati > Il Diabete > Come si cura

Buon compleanno Insulina
Ricorre proprio l’undici gennaio il novantesimo anniversario della prima iniezione di insulina. L’11 gennaio del 1922, infatti, un anno dopo lo studio con cui il premio Nobel Fredrick Banting riuscì a estrarla dal pancreas del maiale, l’insulina fu usata per la prima volta per curare il diabete di Leonard, un bambino di 11 anni. I primi passi nella lotta contro il diabete, un tempo considerata una malattia incurabile.
«Oggi, dopo 90 anni, la lotta prosegue. Oltre alla ricerca di nuove soluzioni terapeutiche, fondamentale per vincere questa sfida è la collaborazione tra scienza, istituzioni e società, soprattutto perché oggi il diabete è diventato una epidemia globale», dice Umberto Valentini, presidente di Diabete Italia, l’organizzazione che nel nostro Paese rappresenta il mondo che ruota intorno a questa malattia. In sintonia con l’International Diabetes Federation (Idf) e il ministero della Salute, Diabete Italia promuove una campagna di sensibilizzazione che nel corso del 2012 si propone di fare luce sulla malattia che colpisce in Italia oltre 3 milioni e mezzo di persone, il 5,8% della popolazione. E che, secondo una recente indagine condotta dall’Osservatorio Arno, è presente nel 16,9% degli italiani con più di 65 anni.
Chi ha il diabete non corre da solo è il messaggio degli annunci pubblicitari, ideati da Roberto Coehn e realizzati da XTV Production e Guicar, in pianificazione a partire da gennaio con spazi gratuiti concessi dagli editori su radio, televisioni, carta stampata, tv degli aeroporti e metropolitane, sale cinematografiche di tutta Italia.
È la prima iniziativa della campagna istituzionale di Diabete Italia che punta a sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sull’importanza sociale della malattia, ma soprattutto comunicare che la persona con diabete oggi può aspirare a vivere una vita attiva, che tende alla normalità. In questa corsa per sconfiggere la malattia, chi ha il diabete può «contare sul sostegno e la sinergia della famiglia, della società, della medicina e della ricerca», affermano i promotori dell’iniziativa.
Fonte Adnkronos

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti | Torna al menu