DexCom e Google insieme - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Menu principale:

DexCom e Google insieme

Argomenti trattati > Glucometri non invasivi
Diabete: DexCom e Google insieme per sviluppare nuovi tipi di sensori glicemici. Una operazione miliardaria

Tratto da una delle fonti più autorevoli per gli investitori finanziari made in USA e non solo. Fool. DexCom sta costruendo dispositivi sempre più user-friendly che controllano continuamente i livelli di glucosio nel sangue, e una nuova collaborazione tra DexCom e Google porterà alla realizzazioni di dispositivi ancora più agevoli e da portare e di minime dimensioni.
Migliorare la cura
Ci sono 387 milioni di diabetici in tutto il mondo e il numero è stimato a crescere fino a quasi 600 milioni entro il 2035. Poiché il diabete può portare a condizioni che mettono in pericolo la vita, come le malattie cardiache, è diventata una delle epidemie sanitarie più preoccupanti del pianeta.
Nel tentativo di ridurre il rischio di sviluppare queste malattie mortali, è incredibilmente importante contribuire a mantenere la glicemia sotto controllo. Purtroppo, DexCom stima che un diabetico medio spende più del 70% del suo tempo con valori della glicemia fuori controllo.
Per questo motivo, i sensori glicemici continui (CGM) come quelli venduti da DexCom vengono sempre più ampiamente utilizzati da entrambe i tipi di diabete, tipo 1 e tipo 2, per ottenere in tempo reale la comprensione della glicemia, comprese le tendenze che possono essere inviate direttamente a uno smartphone tramite telecomando. Utilizzando questi dati, i pazienti diabetici sono in grado di determinare con maggiore precisione se mangiare o meno, fare e quanta l’insulina, riducendo i rischi di disvalori degli zuccheri nel sangue come iperglicemia e ipoglicemia.
Attualmente, sensori utilizzati in questi dispositivi vengono inseriti sotto la pelle, ma con l’aiuto della ricerca elettronica in miniatura di Google, DexCom spera di creare sensori a forma di cerotto di dimensioni molto piccole che siano economici e monouso. Se la società potrà farlo, allora questi sensori potrebbero toglierci dall’attuale necessità di bucarci i polpastrelli della dita per mettere il sangue nella striscia e leggere il valore dello zucchero nel sangue dal glucometro per la maggior parte, se non tutti, i pazienti diabetici.
“Questa partnership ha il potenziale per cambiare il volto della tecnologia nel diabete per sempre”, ha dichiarato Kevin Sayer, presidente e chief executive officer di DexCom. “Lavorando insieme, crediamo di poter introdurre prodotti che si muovono al di là di noi il nostro tipo 1 di core business per diventare lo standard di cura per tutte le persone che vivono con il diabete.”
Dettagli della operazione
Le competenze del monitoraggio della glicemia fornite da Google provengono da GoogleX, un laboratorio di ricerca della società che sta lavorando per sviluppare una lente a contatto la quale utilizza elettronica in miniatura e un sensore di glucosio per monitorare i livelli di zucchero dalle lacrime del paziente. La lente a contatto valuta le lacrime che utilizzano chip di elaborazione e poi trasmette i risultati su un dispositivo, come ad esempio uno smartphone, tramite l’antenna che è più sottile di un capello umano.
DexCom e Google sperano di sfruttare tali competenze per costruire e quindi connettere  automaticamente i cerotti sensori al cloud, permettendo una facile condivisione dei dati raccolti e così facendo di essere utilizzati su qualsiasi dispositivo da parte degli operatori sanitari e pazienti stessi.
DexCom prevede che i primi prodotti da questa collaborazione potranno entrare sul mercato entro  i prossimi tre anni e con prodotti aggiuntivi nei successivi cinque anni.
Guardando al futuro
Lo sviluppo di un sensore basato su cloud, concettualmente, potrebbe rendere i sensori di DexCom “dispositivi agnostici”, che potrebbe ampliare in modo significativo la quota di mercato di monitoraggio del glucosio della società estendendosi ai diabetici di tipo 2, e dal momento che questi sensori saranno usa e getta, potrebbero creare un importante e continuo flusso di entrate per l’azienda.
Date le dimensioni del mercato mondiale del diabete, attingendo al più grande mercato dato dal tipo 2 la crescita del business già in rapida di DexCom avrebbe una potenza di fuoco ancora maggiore per lo sviluppo degli affari. Lo scorso anno, il fatturato della società è cresciuto del 62% a $ 259.200.000 e lo slancio riportato nel 2015 con un fatturato di DexCom, nel primo semestre, e segnalato a $ 165.700.000 con una crescita del 58% rispetto allo stesso del precedente.

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti | Torna al menu