Corso sul magement delle Associazioni FDG - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Corso sul magement delle Associazioni FDG

Manifestazioni AGD > Archivio Manifestazioni 2014

CORSO SUL MANAGEMENT DELLE ASSOCIAZIONI DIABETE GIOVANILE
I parte: Gestire una organizzazione di volontariato: principi generali, strategie, strumenti e ruoli - II parte: Ideare e progettare nel no profit
Domus Mariae Palazzo Carpegna – Via Aurelia, 481 – 00165 Roma
Roma – 29/30 ottobre 2013

La Federazione Diabete Giovanile onlus, organizzazione di volontariato cui afferiscono diverse associazioni attive sul diabete giovanile nel panorama nazionale, dal 2006 collabora con il CEFPAS di Caltanissetta nella realizzazione di percorsi formativi rivolti ai suoi associati.
Il variegato mondo delle associazioni no profit e in particolare quello giovanile, in considerazione del rilevante impegno sociale, richiede di essere continuamente supportato nello sviluppo di conoscenze e competenze e nella valorizzazione di quelle già competenze possedute, in un’ottica di empowerment.
La formazione e la sensibilizzazione dei giovani è riconosciuta dalla FDG quale priorità per qualificare l'attività di volontariato e per rendere gli associati soggetti attivi all’interno delle proprie organizzazioni, al fine di rispondere al meglio ai bisogni del territorio in cui operano, favorire lo scambio e la messa in rete di esperienze e competenze e investire su nuove opportunità di sviluppo. A questo scopo la FDG ha promosso un percorso formativo volto a qualificare i suoi giovani associati.
Nel 2012, a Roma, è stato realizzato il primo Corso - Corso introduttivo sul management delle associazioni diabete giovanile - che ha sviluppato tre aree tematiche: la patologia diabetica e gli stili di vita connessi; la comunicazione efficace nel settore no profit e il coinvolgimento attivo dei cittadini nei meccanismi di garanzia della salute.
Alla luce dei risultati ottenuti e della necessità di ulteriori approfondimenti tematici, è stata programmata una seconda attività formativa. Il corso in questione svilupperà tre aree tematiche: La gestione e lo sviluppo di una associazione di volontariato; la progettazione nel volontariato; la partecipazione attiva in sanità: quale ruolo per le associazioni diabetici; ciò anche alla luce di quanto previsto dal Piano sanitario nazionale sulla malattia diabetica, recepito con l’Accordo Stato Regioni del 6 Dicembre 2012 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 7 Febbraio 2013 che, riconoscendo un ruolo attivo e innovativo delle Associazioni di pazienti, ne promuove la crescita culturale, la rappresentatività e la partecipazione ad ogni livello.

Obiettivo generale del corso: Sviluppare le conoscenze e le competenze dei giovani associati relativamente alla gestione di una organizzazione no profit e alle sue possibilità di sviluppo (reperimento risorse, creazione di reti, etc.) così da affermare il proprio ruolo attivo all’interno delle organizzazioni di appartenenza. Approfondire la normativa più recente in tema di tutela dei diritti della persona con diabete e dei suoi familiari, in un’ottica di empowerment.  

Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di conoscere e definire:
 La Mission, la Vision e i Principi Guida della FDG (A. Cabras)
 I Principi ispiratori e gestionali di una organizzazione no-profit (Giovanni Caracci, ASL Roma)
 Tipologia e criteri gestionali di un’associazione (G. Caracci)
 Ruoli e funzioni all’interno di una organizzazione (G. Caracci)
 Tecniche di reperimento fondi (fund raising) e altri canali di finanziamento pubblici e privati (G. Caracci)
 Tecniche di progettazione e gestione di un progetto: dall’idea al progetto (G. Caracci)
 Monitoraggio e valutazione di un progetto (G. Caracci)
 Elementi di rendicontazione di un progetto
 Elementi sul bilancio sociale (Angelo Tanese – ASL Roma)
 Aspetti peculiari e innovativi del Piano sanitario nazionale sulla malattia diabetica (S. Inglese, AUSL Bologna)

Obiettivi e contenuti - I parte: La gestione e lo sviluppo di una associazione di volontariato
Potenziare le capacità gestionali dei volontari in relazione alle funzioni e ai ruoli interni nell'associazione. Fornire gli strumenti per una gestione consapevole e mirata allo sviluppo della realtà associativa.
Contenuti: Strumenti gestionali dell'associazione. Gli adempimenti delle associazioni. Funzioni e ruoli nelle associazioni. Aspetti da presidiare nella gestione di una associazione.   
Lavoro di Gruppo con Metaplan  “ Difficoltà nel gestire una Associazione”

Obiettivi e contenuti - II parte: Progettare nel volontariato
Fornire una panoramica delle tecniche di progettazione promuovendo il modello del "lavoro per progetti" fornendo le conoscenze necessarie per individuare gli obiettivi di progetto, analizzare il contesto, definire la composizione del partenariato, definire il piano di progetto e gli strumenti di controllo.
Contenuti: Dall'ideazione alla stesura del progetto. Tecniche di progettazione con e senza formulario.  Monitoraggio e valutazione. Opportunità di finanziamento. Strategie di fund raising.

Obiettivi e contenuti - III parte: Partecipazione nella sanità: “Quale ruolo delle Associazioni”
Approfondire gli elementi caratterizzanti il Piano sanitario nazionale sulla malattia diabetica, un Piano innovativo che tenendo conto in primis della persona e della famiglia, vuole essere uno stimolo per il cambiamento. E in questa evoluzione dell’assistenza diabetologica un ruolo innovativo viene affidato alle Associazioni di pazienti, di cui si stimola la crescita culturale, la rappresentatività  e la partecipazione ad ogni livello. Ad esse va riconosciuto un grande valore perché con la loro presenza sul territorio contribuiscono a dare voce ai bisogni dei soggetti con patologia e, se ben guidati e organizzati, possono avere una grande influenza sullo stato di salute sia della popolazione in generale che del singolo individuo, favorendo la fruizione dei Servizi sia sanitari che sociali. Il Piano inoltre riconosce il volontariato quale interlocutore attivo nelle attività di programmazione e verifica e come partner, se  preparato, nei momenti formativi dei pazienti e dei caregiver, naturalmente in stretto contatto con i professionisti del servizio sanitario e sociale.
Destinatari
30 giovani adulti diabetici afferenti alla FDG Onlus che hanno già frequentato il corso introduttivo.

Durata e metodologia didattica

Il corso si articola in una giornata e mezza, per un totale di 11 ore d’aula. La metodologia è interattiva e prevede sessioni plenarie sulle tematiche generali e lavori di gruppo ed esercitazioni, anche attraverso l’utilizzo di metaplan.
Coordinamento corso  
A. Cabras, Presidente Federazione nazionale Diabete Giovanile. G. Maggiore, CEFPAS Caltanissetta.
Docenti  
Valutazione finale

L’iniziativa è sottoposta a valutazione di gradimento attraverso la somministrazione di un questionario alla fine del corso. Alla fine del corso verrà anche rilasciato un attestato di frequenza.
SEDE DEL CORSO: Hotel….. Roma

PROGRAMMA DIDATTICO

29 OTTOBRE 2013  
14.00 – 14.30   
Registrazione dei partecipanti. Introduzione al corso e Saluto di benvenuto  
Presidente FDG Onlus e Referente CEFPAS
14.30 – 18.30       
La gestione e lo sviluppo di una associazione di volontariato
Docente: Giovanni Caracci, ASL Roma

30 OTTOBRE 2013
8.30 – 13.00        
Progettare nel volontariato – Sessione I  
Docente: Giovanni Caracci, ASL Roma (chiedere a lui)
13.00 – 14.00: Pausa pranzo
14.00 – 15.30
Progettare nel volontariato – Sessione II – Esercitazioni/Lavori di gruppo
Docente:
15.45 – 16.30
Partecipare in sanità: “Quale ruolo delle Associazioni”. Comunicazione e relazione con il cittadino
Docente: Stefano Inglese, AUSL Bologna.
16.30 – 17.00
Conclusioni e valutazione finale

SCHEDA DI ISCRIZIONE:
clicca quì per scaricare:

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti