Scoperto un nuovo tipo di cellule produttrici d’insulina - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Scoperto un nuovo tipo di cellule produttrici d’insulina

Argomenti trattati > News dalla ricerca
Scoperto un nuovo tipo di cellule produttrici d’insulina
05/04/2017 - Nelle persone con diabete di tipo I, le cellule beta produttrici di insulina nel pancreas muoiono e non vengono sostituite. Senza queste cellule, il corpo perde la capacità di controllare il glucosio nel sangue. I ricercatori della Davis University of California, hanno ora scoperto un nuovo possibile percorso di rigenerazione delle cellule beta, dando informazioni sui meccanismi di base dietro il metabolismo sano e diabete. Alla fine, questo tipo di ricerca potrebbe portare a un migliore trattamento o cure per il diabete.
“Abbiamo visto i progressi fenomenali nella gestione del diabete , ma non siamo in grado di curarlo,” ha dichiarato Mark Huising, assistente professore di neurobiologia, fisiologia e comportamento nel  Collegio UC Davis di Scienze Biologiche. “Se si vuole curare la malattia, è necessario capire come funziona nella situazione normale.”
Huising è senior autore di un documento  pubblicato il 4 aprile sulla rivista Cell Metabolism.
Lavorando con entrambi i tessuti di topi di laboratorio e umani, Huising sta studiando come le cellule nelle isole di Langerhans nel lavoro del pancreas regolano insieme il glucosio nel sangue . In entrambi i topi e le persone, gli isolotti contengono cellule beta, che rilevano il glucosio e secernono insulina, e di altri tipi di cellule tra cui le cellule alfa che sviluppano il  glucagone, un ormone che aumenta lo zucchero nel sangue. Gli effetti opposti di insulina e glucagone permettono al corpo di regolare gli zuccheri nel sangue e l’apporto di sostanze nutritive.
Il diabete di tipo I è una malattia con due parti. In primo luogo, le cellule beta vengono uccisi dal sistema immunitario del corpo, e quindi non riescono a rigenerarsi (o in quelli che le fanno vengono “uccisi”). Una cura efficace per il diabete di tipo I comporterebbe trattare con entrambi i problemi.
Dogma accettato, Huising afferma, è che le nuove cellule beta sono generati dalla divisione di altre cellule beta. Ma ora mediante l’applicazione di nuove tecniche in microscopia, la sua squadra ha scoperto, sparsi intorno ai bordi delle isole, un altro tipo di cellule che assomigliano molto a una cellula beta immatura.
Queste nuove cellule possono produrre insulina, ma non hanno i recettori per rilevare il glucosio, quindi non possono funzionare come una cellula beta completa. Tuttavia, la squadra di Huising è stato in grado di osservare che le cellule alfa nel percorso dell’isolotto le porta all’evoluzione da cellule beta immature a maturare in cellule beta reali.
“C’è molta più plasticità nel sistema di quanto si pensasse”, ha detto Huising.
Capire i fondamenti di metabolismo e diabete
Si tratta di un risultato entusiasmante per tre motivi, Huising detto. In primo luogo, si tratta di una nuova popolazione di cellule beta in entrambi gli uomini e topi che non è stato conosciuta prima. In secondo luogo, la nuova popolazione potrebbe essere una fonte per ricostituire le cellule beta uccise nel diabete tipo 1. Infine, la comprensione di come queste cellule maturano in delle cellule beta potrebbe aiutare nello sviluppo di terapie con cellule staminali per il diabete. Le cellule staminali hanno il potenziale di svilupparsi in una vasta gamma di altre cellule. Finora, i tentativi di far crescere le cellule beta reali da cellule staminali ha fatto passi da gigante, ma questi sforzi non hanno ancora raggiunto il loro pieno potenziale.
Questa conoscenza di base delle cellule nelle isole potrebbe anche aiutare nella comprensione del diabete tipo II, in cui le cellule beta non muoiono, ma diventano inattive e non secernono/rilasciano più insulina.
JDRF" è orgogliosa di aver sostenuto il Dr. Huising in questo lavoro ed estremamente entusiasta dei risultati riportati nel documento. Il concetto di sfruttare la plasticità nel isolotto di rigenerare le cellule beta è emerso come una possibilità intrigante negli ultimi anni”, ha detto Andrew Rakeman, Ph.D., direttore della ricerca a JDRF. “Il lavoro del Dr. Huising e il suo team ci sta mostrando non solo il grado di plasticità in cellule delle isole , ma i percorsi che queste cellule prendono quando si cambia identità. Le osservazioni che appaiono dai processi per essere presenti nelle isole rilancia la possibilità che queste intuizioni meccanicistiche possono essere in grado di essere trasformate in approcci terapeutici per il trattamento del diabete.”
05/04/2017
Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti