Super-farmaco contro Diabete T1 - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Super-farmaco contro Diabete T1

Argomenti trattati > News dalla ricerca > Archivio News 2014

Diabete, il nuovo super farmaco tra poco in vendita
ROMA – Un nuovo super-farmaco contro il diabete di tipo 1 arriverà in commercio dal prossimo anno. Si tratta di un farmaco in grado di normalizzare il metabolismo, impedendo così alla malattia di degenerare e scatenare crisi ipoglicemiche e patologie associate al diabete. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Diabetes Care.

Il nuovo farmaco infatti agisce sulle beta cellule del pancreas, cellule produttrici di insulina che nel diabete di tipo I vengono distrutte dal sistema immunitario, spiega Paolo Russo su La Stampa:


“Il principio attivo consente di normalizzare il metabolismo dei pazienti, preservandone le beta cellule del pancreas, che sono responsabili della produzione di insulina. Il farmaco interrompe quella catena perversa per cui il diabete provoca un impazzimento del sistema immunitario, che a sua volta distrugge le beta cellule, inibendo la produzione di insulina”.

Il farmaco è stato sviluppato da un’azienda biotech israeliana e ha superato la fase 3 della sperimentazione sull’uomo, sperimentazione condotta anche su 467 pazienti in Italia dall’Unità operativa di endocrinologia e malattie metaboliche dell’Università Campus Bio-medico di Roma, diretta da Paolo Pozzilli, che spiega:


“Anche questo dimostra che pazienti con una residua funzione delle beta cellule sono immuni, anche dopo 20 anni dalla diagnosi, a complicanze come retinopatia, neuropatia o nefropatia diabetica. Preservando le beta cellule sarà inoltre possibile limitare l’assunzione di insulina”. Tutto questo purché la terapia sia avviata entro sei mesi dall’insorgenza della malattia”.

Se entro il prossimo anno un secondo studio di controprova ne accerterà l’efficacia, il superfarmaco potrebbe entrare in commercio già dal prossimo anno.
tratto da http://www.blitzquotidiano.it/

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti