Scoperta causa del diabete giovanile - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Menu principale:

Scoperta causa del diabete giovanile

Argomenti trattati > News dalla ricerca > Archivio News 2013

Scoperta la causa del diabete giovanile
La carenza di carnitina nei primi giorni è un segno della futura malattia


Un team di ricerca italiano ha scoperto la possibile causa del diabete di tipo 1. All'origine sembra esserci un deficit di carnitine riscontrabile fin dai primi giorni di vita del bambino. Il valore basso segnala la futura insorgenza di questa grave malattia dalla natura autoimmune.
La famiglia delle carnitine ha fra i vari compiti quello di assicurare l'eliminazione delle cellule immunitarie autoreattive che sono alla base dei meccanismi di innesco della malattia.
La ricerca è stata realizzata dagli scienziati dell'Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze in collaborazione con i colleghi dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma, che ne hanno pubblicato gli esiti sulla rivista Nutrition and Diabetes.
Gian Franco Bottazzo del Bambin Gesù ha spiegato: "abbiamo scoperto che i nuovi nati con basse concentrazioni di carnitine nel sangue sviluppano in seguito la malattia. Bassi livelli di carnitina di carnitina alla nascita potrebbero predisporre al diabete 1 in quanto le carnitine servono a eliminare cellule immunitarie autoreattive normalmente presenti nel timo (ghiandola che scompare crescendo) dei neonati. Se la loro morte non avviene prestissimo, queste cellule entrano nel circolo sanguigno, si annidano nei linfonodi e, se attivate, causano il diabete".
I ricercatori hanno quindi deciso di avviare una sperimentazione clinica basata sulla somministrazione nei primi giorni di vita di integratori di carnitina.
“È il primo marcatore del diabete 1 trovato alla nascita", spiega Bottazzo, che precisa poi che solo attraverso la sperimentazione clinica si potrà valutare il ruolo effettivo del deficit delle carnitine nello sviluppo del diabete di tipo 1.
tratto da http://www.italiasalute.it/

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti | Torna al menu