I diabetici producono ancora insulina - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Menu principale:

I diabetici producono ancora insulina

Argomenti trattati > News dalla ricerca > Archivio News 2013

Insulina viene ‘prodotta ancora’ nella maggior parte delle persone con diabete di tipo 1

Le nuove tecnologie hanno permesso agli scienziati di dimostrare che la maggior parte delle persone con diabete di tipo 1 hanno beta cellule ancora attive, le cellule specializzate nel “fare insulina” presenti nel pancreas. Diabete di tipo 1 si verifica quando il sistema immunitario distrugge le cellule designate a produrre insulina, la sostanza che permette al glucosio nel sangue di ottenere l’accesso alle cellule del corpo.
In precedenza si pensava che tutte queste cellule erano andate perse in pochi anni dallo sviluppo della malattia. Tuttavia la nuova ricerca guidata dall’Università di Exeter Medical School, che è stata finanziato da lt Diabetes UK e pubblicata in Diabetologia (la rivista della Associazione Europea per lo Studio del Diabete), mostra che circa tre quarti dei pazienti con il diabete 1 sono in possesso di un piccolo numero di cellule beta che sono non solo producono insulina, ma che lo stanno facendo in risposta al cibo nello stesso modo come gli altri senza la malattia. Lo studio, che è stato sostenuto dal National Institute for Health Research, attraverso l’Exeter Clinical Research Facility, testato su 74 volontari. I ricercatori hanno misurato la quantità di insulina naturale prodotta ed essa ha risposto ai pasti, segno che le cellule sono sane e attive. I ricercatori hannoo scoperto che il 73 per cento dei volontari produceva bassi livelli di insulina, e che questo si è verificato indipendentemente dall’anzianità di convivenza con il diabete. I ricercatori hanno studiato la risposta della produzione di insulina ad un pasto per dimostrare che la produzione di un seppur basso livello d’insulina proveniva comunque dal lavoro delle cellule beta.

Il dr Richard Oram, dell’Università di Exeter Medical School, che ha condotto lo studio, ha detto: “E ‘molto interessante il fatto che i bassi livelli di insulina sono prodotti nella maggior parte delle persone con diabete di tipo 1, anche se lo hanno da 50 anni. Il fatto che i livelli di insulina salgono dopo un pasto indica che le cellule beta restanti possono rispondere a un pasto in modo normale – a quanto pare sono o le immunitarie ad attaccare, o sono rigenerate I ricercatori hanno utilizzato le nuove tecnologie che sono in grado di rilevare livelli di gran lunga inferiori di insulina rispetto al passato. I livelli sono così bassi che gli scienziati avevano precedentemente pensato che l’insulina non veniva prodotta”.
Il dottor Matthew Hobbs, capo della ricerca per il diabete nel Regno Unito, ha detto: “Sappiamo che la conservazione o il ripristino, anche relativamente di piccoli livelli di secrezione di insulina nel diabete di tipo 1 può prevenire l’ipoglicemia (bassi livelli di glucosio) e ridurre le complicanze e quindi la ricerca si è molto più concentrata sui modi per fare nuove cellule che possono essere trapiantati nel corpo. Questa ricerca dimostra che alcune delle proprie cellule beta di una persona rimangono e pertanto potrebbe essere possibile rigenerare queste cellule in futuro. E ‘anche possibile che la comprensione del perché alcune persone riescono a mantenere la produzione di insulina mentre altri la perdono può aiutare a rispondere a domande fondamentali sulla biologia del diabete di tipo 1 ed aiutarci a progredire verso una cura per la malattia.”
“Il prossimo passo è uno studio molto più in grande scala, teso a guardare la genetica e il sistema immunitario di persone ancora in grado difare l’insulina, e di rispondere alla domanda fondamentale se le complicanze del diabete di tipo 1 sono ridotte in persone con bassi livelli di insulina.”
Published 10/10/2013
tratto da ilmiodiabete.it

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti | Torna al menu