La chiave per l’autogestione è nelle funzioni esecutive del cervello - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

La chiave per l’autogestione è nelle funzioni esecutive del cervello

Argomenti trattati > News dalla ricerca
Diabete giovanile. La chiave per l’autogestione è nelle funzioni esecutive del cervello
     
Una maggiore responsabilizzazione dei giovani con diabete di tipo 1 potrebbe essere importante per controllare meglio la malattia e ottimizzare la terapia. Il successo del trattamento, tuttavia, dipende da una serie di fattori, tra cui il livello delle funzioni esecutive del cervello.

07 GEN -
(Reuters Health)
– Secondo un gruppo di ricercatori olandesi, nei giovani con diabete di tipo 1, un profilo cognitivo caratterizzato da un basso livello di funzioni esecutive – quindi, sostanzialmente, da scarsa autonomia – è associato a un peggior controllo glicemico nel tempo.
“Una valutazione di routine delle funzioni esecutive nei giovani con diabete di tipo 1 potrebbe aiutare a ottimizzare il passaggio dalla responsabilità condivisa o genitoriale a quella dei giovani pazienti e aiutare a raggiungere il controllo glicemico ottimale nel difficile periodo dell’adolescenza”, osserva
Anne Vloemans
del VU University Medical Center ad Amsterdam, autrice principale dello studio che ha fatto emergere questa correlazione.
Lo studio
Lo studio ha coinvolto 174 giovani con diabete di tipo 1. I ragazzi – la metà dei quali erano maschi – sono stati seguiti per quattro anni.
L’età media all’esordio del diabete era di circa sei anni. Al basale, l’età media era di circa 12 anni e l’HbA1c medio era del 7,93%.
Il T score medio su un test somministrato ai genitori della funzione esecutiva globale era di 49,26.
Il 5,8% dei partecipanti ha avuto punteggi considerati clinicamente elevati (65 o più, con punteggi più alti che indicavano un numero più elevato di problemi). La maggior parte dei genitori ha completato il questionario sulla responsabilità della famiglia nella gestione del diabete ogni anno nel corso del follow-up.

I risultati. Come riportato da Diabetes Care, nel complesso i problemi legati allo svolgimento delle funzioni esecutive sono stati associati in modo significativo a un più alto livello di HbA1c nel tempo. Di contro, problemi di funzioni esecutive associati a una minore responsabilità dei giovani, o a una maggiore responsabilità genitoriale, si sono significativamente associati a un migliore controllo glicemico nel tempo.

Solo l’età ha moderato significativamente la relazione tra problemi nelle funzioni esecutive, responsabilità condivisa e controllo glicemico.
La responsabilità condivisa non ha significativamente influenzato l’associazione tra difficoltà nelle funzioni esecutive e livelli HbA1c in età più avanzata.
I commenti. “Il diabete di tipo 1 presenta ai pazienti un insieme di responsabilità globali che si realizzano lungo uno spettro ampio e diversificato – osserva Joshua D. Miller, direttore sanitario di Diabetes Care, diabetologo e paziente con diabete di tipo 1 – Auto-monitoraggio degli zuccheri nel sangue, assunzione di insulina, prescrizioni periodiche, trattamento dell’ipoglicemia, pianificazione e partecipazione agli appuntamenti medici. I membri del team diabetologico dovrebbero prestare particolare attenzione alle funzioni esecutive mentre valutano le capacità dei pazienti di gestire con successo il proprio diabete”

Fonte: Diabetes Care 2018
Marilynn Larkin
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

07 gennaio 2019
Torna ai contenuti