Tre multinazionali controllano il mercato dell’insulina - A.G.D. Como ODV - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





1
8
7
6
5
10
2
Vai ai contenuti

Tre multinazionali controllano il mercato dell’insulina

Argomenti trattati > Fatti e misfatti
Diabete. Oms: “Tre multinazionali controllano il mercato dell’insulina e bloccano competizione per prezzi più bassi e milioni di diabetici non se la possono permettere”

Il Dg Tedros Adhanom Ghebreyesus: "Gli scienziati che hanno scoperto l'insulina 100 anni fa si sono rifiutati di trarre profitto dalla loro scoperta e hanno venduto il brevetto per un solo dollaro. Purtroppo, quel gesto di solidarietà è stato superato da un business multimiliardario che ha creato ampi divari di accesso".
15 NOV - Un nuovo rapporto pubblicato dall'OMS in occasione della Giornata mondiale del diabete che si è celebrata ieri evidenzia lo stato allarmante dell'accesso globale all'insulina e alla cura del diabete e rileva che i prezzi elevati, la scarsa disponibilità di insulina umana, i pochi produttori che dominano il mercato dell'insulina e i sistemi sanitari deboli sono le principali barriere all'accesso universale.
"Gli scienziati che hanno scoperto l'insulina 100 anni fa si sono rifiutati di trarre profitto dalla loro scoperta e hanno venduto il brevetto per un solo dollaro", ha affermato il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che “purtroppo, quel gesto di solidarietà è stato superato da un business multimiliardario che ha creato ampi divari di accesso. L'OMS sta lavorando con paesi e produttori per colmare queste lacune e ampliare l'accesso a questo medicinale salvavita per tutti coloro che ne hanno bisogno".
L'insulina è la base del trattamento del diabete: trasforma una malattia mortale in una malattia gestibile per nove milioni di persone con diabete di tipo 1. Per oltre 60 milioni di persone affette da diabete di tipo 2, l'insulina è essenziale per ridurre il rischio di insufficienza renale, cecità e amputazione degli arti.
Tuttavia, una persona su due che necessita di insulina per il diabete di tipo 2 non la ottiene. Il diabete è in aumento nei paesi a basso e medio reddito, eppure la disponibilità di insulina non ha tenuto il passo con il crescente carico di malattie. Il rapporto evidenzia che mentre tre persone su quattro affette da diabete di tipo 2 vivono in paesi al di fuori del Nord America e dell'Europa, ad esse è riferito meno del 40% delle entrate derivanti dalle vendite di insulina.
Il Rapporto Oms, che si intitola Mantenendo la promessa centenaria – rendere universale l'accesso all'insulina
, mette in luce le cause principali delle lacune nell'accesso globale all'insulina tra le quali:
• Il passaggio del mercato globale dall'insulina umana, che può essere prodotta a costi relativamente bassi, agli analoghi più costosi (insulina sintetica) sta imponendo un onere finanziario insostenibile ai paesi a basso reddito. In generale, l'insulina umana è efficace quanto gli analoghi, ma gli analoghi sono almeno 1,5 volte più costosi delle insuline umane e in alcuni paesi tre volte più costosi;
• Tre multinazionali controllano oltre il 90% del mercato dell'insulina, lasciando poco spazio alle aziende più piccole per competere per le vendite di insulina;
• La regolamentazione e le politiche non ottimali, compresi gli approcci non ottimali ai prezzi dei prodotti farmaceutici, l'approvvigionamento e la gestione della catena di approvvigionamento deboli, i finanziamenti insufficienti per coprire la domanda e una governance complessivamente debole stanno influenzando l'accesso all'insulina e ai relativi dispositivi, come i dispositivi di monitoraggio e somministrazione, in tutti i paesi;
• Capacità e infrastrutture del sistema sanitario insufficienti, inclusa la mancanza di integrazione dei servizi a livello di cure primarie, capacità inadeguata di fornire cure per il diabete e garantire la continuità della fornitura e infrastrutture per la gestione delle informazioni, la gestione della fornitura e la produzione locale di insulina sono sfide diffuse nelle persone a basso reddito Paesi;
• La ricerca è orientata verso i mercati ricchi, trascurando le esigenze di salute pubblica dei paesi a basso e medio reddito, che rappresentano l'80% del carico di diabete.
Per l’Oms anche il panorama dei prezzi è irregolare e rivela una mancanza di trasparenza nel modo in cui i prezzi sono fissati. Ad esempio, le insuline biosimilari potrebbero essere più economiche del 25% rispetto al prodotto originale, ma molti paesi, compresi quelli a basso reddito, non stanno beneficiando di questo potenziale risparmio.
Il rapporto suggerisce diverse azioni per migliorare l'accesso alle insuline e ai prodotti correlati, tra cui:
• Incrementare la produzione e l'offerta di insulina umana e diversificare la base di produzione per le insuline analogiche biosimilari per creare concorrenza e ridurre i prezzi;
• Migliorare l'accessibilità regolando prezzi e maggiorazioni, utilizzando appalti in comune e migliorando la trasparenza nel modo in cui i prezzi sono fissati;
• Promuovere la capacità produttiva locale nelle regioni meno servite;
• Promuovere la R&S incentrata sui bisogni dei paesi a basso e medio reddito;
• Garantire che un maggiore accesso all'insulina sia accompagnato da una diagnosi tempestiva e dall'accesso a dispositivi convenienti per il monitoraggio della glicemia e l'iniezione di insulina;
• Utilizzare le risorse sanitarie con saggezza selezionando l'insulina umana ove possibile e stanziando fondi adeguati per fornire un pacchetto completo di cure.
In questi ultimi tempi l’Oms ha accelerato gli sforzi per affrontare alcuni degli ostacoli alla disponibilità di insulina e dei relativi farmaci e tecnologie sanitarie attraverso una serie di confronti con le associazioni imprenditoriali e i produttori.
A seguito di ciò l’Oms sottolinea che l'industria si è impegnata a una serie di azioni, tra cui:
• Migliorare l'accesso ai biosimilari dell'insulina;
• Partecipare al programma di prequalifica dell'OMS per insulina, glucometri, strisce reattive e strumenti diagnostici;
• Partecipare ad appalti congiunti internazionali/ONU o meccanismi di domanda aggregata, una volta stabiliti;
• Presentare dati sulla termostabilità dell'insulina all'OMS;
• Partecipare al meccanismo di segnalazione che l'OMS utilizzerà per registrare e pubblicare i contributi dell'industria farmaceutica e delle tecnologie sanitarie.
Si prevede che l'espansione del programma di prequalifica dell'OMS per includere dispositivi di monitoraggio del glucosio, strisce reattive e strumenti diagnostici e l'inclusione di forme aggiuntive di insulina e altri medicinali per il diabete nell'ultimo aggiornamento degli elenchi dell'OMS dei medicinali essenziali dovrebbe portare a un migliore accesso in paesi in cui la domanda è attualmente insoddisfatta.
15 novembre 2021
Ultimo aggiornamento:
1
A.G.D. Como ODV - Associazione per l'aiuto ai Giovani Diabetici - Via Anzani, 37/B - 22100 Como - C.F. 95011790136 Iscriz. RGRV 54/216 13/01/1994
Torna ai contenuti