Campo Europeo FDG 2015 - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

Menu principale:

Campo Europeo FDG 2015

Manifestazioni AGD > Archivio Manifestazioni 2015

Campo Scuola Europeo organizzato dalla FDG

Gioventù in Azione – Healh in All Campus
Zlotoryja - Bassa Slesia -

dal 27 al 31 Liglio 2015

Campus per giovani con diabete per la promozione dell’interculturalità e della cittadinanza europea.

La Federazione FDG, di cui anche la nostra Associazione fa parte, mette a disposizione due posti per ogni Associazione federata.
Possono partecipare due persone di età compresa tra 18 e 23 anni. Tutte le spese saranno a carico della FDG
Le iscrizioni si chiuderanno improrogabilmente domenica 12 Aprile alle ore 24,00
Chi volesse partecipare tra i nostri Associati è pregato di compilare il modulo sottostante.
Tutte le richieste pervenute saranno vagliate a giudizio insindacabile dal Direttivo AGD Como.

Obiettivi
Il progetto in oggetto si inserisce nel programma della Federazione Diabete Giovanile di Scambi Giovanili, e prevede l’organizzazione di uno Campo Scuola in Polonia rivolto a giovani italiani e polacchi affetti da diabete, durante il quale verranno organizzate attività pratiche che aiuteranno loro ad acquisire conoscenze e competenze funzionali ad un progetto di vita indipendente nei propri Paesi.
Il progetto si prefigge di promuovere la solidarietà e la tolleranza tra i giovani, di favorire la comprensione reciproca tra giovani di diversi Paesi e di contribuire a migliorare la qualità dei sistemi di sostegno alle attività giovanili e le competenze delle organizzazioni della società civile nel settore giovanile. In particolare, il progetto risponde alle Priorità (Cittadinanza Europea) e (Diversità Culturale) e alle seguenti priorità: Promozione di uno stile di vita salutare attraverso l’attività fisica, incluso lo sport ,(Impegno per una crescita più inclusiva: lotta contro la povertà e l’emarginazione, Cittadinanza europea e diritti correlati 
Il progetto mira non solo ad educare i ragazzi ad un corretto stile di vita e ad aiutarli nel difficile cammino di accettazione psicologica della malattia, ma auspica, inoltre, a far sì che i giovani diventino essi stessi lo strumento per garantire un’istruzione ed un’educazione sanitaria alle loro famiglie e nelle loro società.



Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti | Torna al menu