Persone con diabete discriminate nell’accesso alla carriera militare - A.G.D. Como ODV - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





1
8
7
6
5
10
2
Vai ai contenuti

Persone con diabete discriminate nell’accesso alla carriera militare

Argomenti trattati > Diabete ed Istituzioni
Persone con diabete discriminate nell’accesso alla carriera militare e all’attività sportiva di elevato livello tecnico-agonistico

Per la sola presenza della malattia, alle persone con diabete è preclusa la possibilità di godere del trattamento riconosciuto agli atleti ed alle atlete di valore internazionale nel campo delle rispettive discipline. Ma anche di accedere alle carriere miliari e ai corpi civili equiparati. In una lettera la Federazione Diabete giovanile chiede quindi alle istituzioni competenti di intervenire.
28 APR - Permangono nel nostro ordinamento, una serie di norme, che escludono i lavoratori diabetici, per la sola presenza della malattia, dall’accesso alle carriere miliari e dei corpi civili equiparati, indipendentemente dalla valutazione sulla loro effettiva capacità lavorativa. Ma non solo, le persone con diabete sono anche escluse dalle disposizioni in materia di lavoro sportivo che favoriscono l’accesso al lavoro ed allo svolgimento dell’attività sportiva di elevato livello tecnico-agonistico di persone con disabilità fisiche e sensoriali. Norme che prevedono di reclutare atleti paralimpici nei gruppi sportivi militari e dei corpi civili dello Stato e di disciplinare il loro reimpiego nel rispettivi corpi quando non saranno più idonei all’attività sportiva paralimpica.
Una discriminazione che penalizza le persone con diabete e che entra in contrasto con il diritto all’uguaglianza sancito dalla Costituzione.

Questo in sintesi l’allarme lanciato dalla Federazione Diabete giovanile che in una lettera al Governo, ai Ministeri competenti, allo Stato Maggiore della Difesa e al parlamento chiede interventi ad hoc per superare “questa ingiusta situazione”. E invita a guardare quanto attuato in Spagna che ha modificato la formulazione della norma che prevedeva l’esclusione dai concorsi per le forze armate delle persone affette da alterazioni endocrinometaboliche con trattamento insulinico, cioè dei diabetici di tipo 1, stabilendo che l’eventuale loro incompatibilità con la professione militare debba essere “motivata individualmente per ciascun individuo sulla base di una certificazione tecnica rilasciata dal sevizio sanitario competente”.

Nella lettera la Federazione Diabete giovanile presenta come esempio, il caso di Giulio Gaetani è un giovane di 20 anni che pratica la scherma, la sua specialità è la spada: “Fa parte della squadra nazionale azzurra ed è sempre stato convocato a tutti i ritiri assoluti, negli anni 2020 e 2021. Il suo palmarés è ricco di risultati di notevole rilievo in campo nazionale ed internazionale. Basti segnalare che ha vinto la coppa del mondo Under 20 negli anni 2019 e 2020. In definitiva è attualmente uno degli atleti più promettenti nella sua specialità. Proprio nel momento in cui avverte la necessità di fare ingresso nel mondo del lavoro e, allo stesso tempo, di potersi dedicare all’attività sportiva con l’impegno che le competizioni di livello olimpico e internazionale esigono, la sua carriera, e con essa le opportunità per lo sport olimpico italiano, potrebbe chiudersi sul nascere perché è escluso da ogni possibilità di entrare a far parte dei circuiti - è noto che si tratta principalmente delle sezioni sportive dei corpi miliari e dei corpi civili dello Stato - che consentono di conciliare l’attività lavorativa con l’attività sportiva. Il motivo è che lo sportivo in oggetto è diabetico. In quanto diabetico, è privo di disabilità fisiche o sensoriali che gli consentano di esser tesserato con il CIP (Comitato Italiano Paraolimpico) e quindi di poter partecipare alle selezioni degli atleti di valore di cui al D.lgs n. 36/2021. Allo stesso tempo, tuttavia, non può neppure accedere ai Corpi militari e civili con le procedure riservate agli atleti. Gli è persino precluso di poter partecipare alle normali selezioni di accesso ai corpi militari in quanto il semplice fatto di essere affetti dalla malattia diabetica è causa di esclusione dalla possibilità di partecipare a tali concorsi”.

Tutto ciò, aggiunge la Federazione, è in palese contrasto con i principio costituzionale del Diritto al lavoro di cui all’art. 4 della Costituzione, posto che il Diritto al lavoro può essere limitato soltanto in presenza di un motivo ragionevole che, nel caso dei lavoratori diabetici, per unanime riconoscimento della comunità scientifica internazionale, non può sussistere per la mera presenza della patologia ma dovrà essere accertato individualmente.
28 aprile 2021
La lettera della Federazione Diabete giovanile
Lettera ricevuta da una ragazza diabetica:
Gent. Antonio,
Questo pomeriggio mi è stato inoltrato un messaggio da una persona a me vicina, contenente il suo articolo relativamente al diabete e Forze Armate... e ammetto di aver provato gioia e stupore, al tempo stesso.
Sto cercando le parole giuste per farle percepire in breve il messaggio che vorrei le arrivasse.
Mi permetto di porle una domanda: quando ha realizzato di voler concretizzare la propria vita verso una determinata strada? Tutti, prima o poi realizziamo... c'è chi lo realizza troppo tardi, c'è chi in realtà lo ha realizzato già da tempo, ma ha comunque lasciato andare per la paura del cambiamento e infine c'è chi lo ha realizzato da tempo, non riesce a lasciare andare e vuole, anzi, pretende, il cambiamento.
Io, purtroppo o per fortuna, faccio parte di quest'ultima categoria e il mio momento, è arrivato più prima che poi.
Si dice che non sia la scuola a farti capire ciò che vorrai farne della tua vita, ma posso invece dire che così, per me, non è stato.
Durante uno dei workshop organizzati, decisi di partecipare ad un meeting per l'arruolamento nell'Esercito Italiano e fatale mi fu questo incontro, letteralmente.
Mi innamorai di ogni singola parola detta da chi venne a rappresentare questo Corpo, mi innamorai del valore che gli attribuì e di ogni ideale di cui era ed è rivestito.
In quel preciso istante realizzai ciò che avrei voluto farne della mia vita.
Finì la scuola, trovai subito lavoro (un dignitoso lavoro), e tra me e me pensai “Bene, brava!”, ma si sa, il nuovo ti fa percepire le cose sempre in maniera diversa ed solo è con il subentrare della quotidianità, che ci si ritrova a far conto con la realtà. E la mia di realtà, mi confermò nuovamente, quella che era la mia passione.
Odio essere classificata, considerata invalida a convenienza, perché parliamoci chiaro, di questo parliamo: di CONVENIENZA.
Ho la glicemia sotto controllo, lavoro, mangio, faccio sport e sono più in forma di molte altre persone considerate “normali”. E soprattutto, amo e mi vivo la vita.
Mi è venuto il diabete all’età di sedici anni, quindi la fase più complessa e al tempo stesso gioiosa e spensierata di un adolescente, eppure questa gioia io non l’ho mai persa.
Abituarsi al nuovo è difficile, ma dipende sempre dalla prospettiva dalla quale viene visto questo “nuovo”.
La vita toglie, ma dà anche. Ogni giorno, in ogni istante, ma bisogna avere la capacità di cogliere.
La parte più triste sa quale è stata? Non il fatto di essere diventata diabetica, ma il dovere fare i conti con l’ignoranza che, ahimè, non ha mai un limite.
Mi chiedo spesso se sia più difficile lasciare andare le cose o se provarci e andare contro questo sistema che ragiona in un modo completamente sbagliato e lontano dalle mie convinzioni… e sa cosa penso? Che la parte più difficoltosa sta proprio in ciò, impegnarsi, sacrificarsi e sentirsi avviliti dall’ignoranza che chi ha il potere decisionale, ha.  
Bisogna capire che il mondo si evolve e con esso tutto ciò che ci circonda subisce un cambiamento, bisogna prendere atto che ormai questa condizione (perdonami se non la chiamo malattia, ma malata io proprio non mi ci sento) è una questione mondiale, ma non da considerarsi limitante.
Bisogna solo imparare a conoscerla.
All’inizio di questo lungo messaggio ti avevo detto di aver avuto dello stupore nel leggere le tue parole e sì, non poco.
Ho iniziato a studiare giurisprudenza, proprio per cercare di darmi una possibilità e tutelarmi, considerando che molte persone a cui mi sono rivolta, pensando mi potessero e volessero dare una mano, in realtà non hanno fatto altro che chiudermi la porta in faccia.
E anche qui, ho preso atto di quanto il singolo e il non tornaconto, siano rilevanti per certi soggetti.
Sto inoltre partecipando, nonostante la situazione che conosciamo, ai concorsi per Polizia e i vari concorsi nelle Forze Armate.
Ci sto mettendo impegno, sacrificio e dolore, consapevole della risposta che mi verrebbe data qualora dovessi accedere alle prove mediche.  
Però lo faccio, perché le cose dovranno cambiare. Io voglio che cambino. E se devo metterci tutto ciò, pensando che qualcosa potrebbe cambiare, lo farei non una, ma altre mille volte.
Questo per dirle quanto sia importante per me, vedere che ci sia una persona che ci sia interessata all’argomento.
Quindi, le chiedo, c’è qualcosa che potrei fare?  
La ringrazio tanto per l’attenzione e spero di non la consideri una perdita di tempo.
Saluti,
Noemi
Ultimo aggiornamento:
1
A.G.D. Como ODV - Associazione per l'aiuto ai Giovani Diabetici - Via Anzani, 37/B - 22100 Como - C.F. 95011790136 Iscriz. RGRV 54/216 13/01/1994
Torna ai contenuti