L'educazione - A.G.D. Como Onlus - Associazione di aiuto ai giovani diabetici -





Vai ai contenuti

L'educazione

Argomenti trattati > Il Diabete > Come si cura

L'educazione

L’Educazione sanitaria è la chiave di volta nella gestione del Diabete,

Il DCCT (Diabetes Control and Complications Trial ) ha chiaramente dimostrato che:
un accurato controllo metabolico riduce le complicanze micro-vascolari
per ottenere un controllo metabolico ottimale è necessaria un’efficace autogestione del diabete
un’efficace autogestione richiede degli alti livelli di educazione sanitaria

PRINCIPI UNIVERSALI
OGNI DIABETICO HA DIRITTO AD UN’EDUCAZIONE SANITARIA PRATICA E SPECIALISTICA

I bambini e gli adolescenti, i loro genitori e quelli che in genere si prendono cura di loro dovrebbero tutti aver la possibilità di essere inclusi in un programma educativo.
L’educazione sanitaria al diabete dovrebbe essere prestata da professionisti che abbiano una profonda conoscenza dei bisogni dei giovani e delle loro famiglie e di come tali bisogni mutino nel corso della vita .
Gli educatori (medici, infermieri, dietologi e gli altri assistenti sanitari) dovrebbero seguire periodicamente corsi di aggiornamento sull’educazione al diabete e sui metodi del suo insegnamento. Questo dovrebbe essere previsto in ogni nazione ed essere una priorità dello Stato.
Le priorità degli educatori sanitari potrebbero non coincidere con quelle dei pazienti e delle loro famiglie. A questo fine l’educazione sanitaria dovrebbe essere prestata dopo un’approfondita valutazione delle attitudini, delle convinzioni, del modo e dalla capacità di apprendere, delle già esistenti conoscenze e degli obiettivi del singolo
L’educazione al diabete deve essere personalizzata e adattata all’età del singolo, alla sua maturità, al suo stile di vita, culturalmente al passo con i bisogni dell’individuo.
L’educazione al diabete perché sia efficace deve essere un processo continuo e costante di apprendimento.
L’educazione al diabete è il punto di congiunzione tra la ricerca e la pratica clinica. Dovrebbe essere programmata, ben documentata, controllata e valutata regolarmente da esperti.
La scelta tra i vari metodi educativi è importante per migliorare la pratica clinica.

CONTENUTI DI UN PROGRAMMA EDUCATIVO

I contenuti e i tempi di apprendimento dipendono dal tipo di assistenza presa in considerazione (es. assistenza ambulatoriale piuttosto che degenza). Quindi le linee-guida che seguono (sulle tecniche di sopravvivenza e su un programma di educazione rivolto agli adulti) possono essere solo un modello su cui sviluppare un programma adatto.
Alla base di un programma educativo dovrebbe esserci un sommario, scritto sulla base della maggior parte delle sezioni di queste linee-guida dell’ISPAD (International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes).

0 Il momento della diagnosi: tecniche di sopravvivenza
Spiegazione di come sia stata fatta la diagnosi e motivo dei sintomi.
Semplice spiegazione per una possibile causa del diabete. Nessun fatto da incolpare.
Necessità immediata di insulina e suo funzionamento.
Cos’è il glucosio? Livelli normali di glicemia e obiettivi da raggiungere.
Nozioni pratiche:
Iniezioni di insulina
Analisi del sangue e/o delle urine e motivi per i controlli
Consigli dietetici di base
Semplice spiegazione dell’ipoglicemia
Il diabete durante una malattia. Mai tralasciare l’insulina.
Il diabete a casa o a scuola, compresi gli effetti dell’attività fisica.
Carta d’identità ed altri mezzi di riconoscimento ( braccialetti, piastrine, girocolli..)
Iscrizione ad un’Associazione per diabetici e ad altri servizi di supporto.
Adattamento psicologico al momento della diagnosi.
Elenco dettagliato dei numeri di telefono per le emergenze.

1 Programma Educativo per Adulti

Preferibilmente la maggior parte dei programmi educativi rivolti agli adulti dovrebbe essere svolta in un contesto non ospedaliero, ma ove questo non sia possibile per problemi di staff, tali programmi possono essere svolti in un ambiente ospedaliero mediante lezioni individuali o di gruppo.
Il programma educativo dovrebbe utilizzare metodi educativi interattivi, mirati al paziente e adatti a tutte le persone coinvolte nella gestione del diabete, specialmente se il diabetico è un bambino o un adolescente.

Programma educativo
Patofisiologia, epidemiologia, classificazioni e metabolismo.
Secrezione insulinica, azione e fisiologia.
Iniezioni di insulina, tipi, assorbimento, azione, cambiamenti e regolazioni.
Alimentazione- piano dietetico; carboidrati, grassi, proteine e fibre; come affrontare eventi speciali e inviti a cena; aumento di peso; “cibi per diabetici”; dolcificanti; bevande, ecc.
Controlli, inclusi l’emoglobina glicosilata e gli obiettivi dei controlli.
L’ipoglicemia e la sua prevenzione, riconoscimento e gestione, incluso l’uso del glucagone.
Malattie , iperglicemia, chetosi e prevenzione della chetoacidosi.
Complicanze micro e macro-vascolari e loro prevenzione. La necessità di un controllo regolare.
Attività fisica, vacanze e viaggi, inclusi campi scuola e ricreativi.
Soluzione di problemi e modifiche di terapia ( rapportare la dose di insulina al cibo e all’attività fisica).
Fumo, alcohol e droghe.
Scuola, università e lavoro.
Sessualità, gravidanza, parto e contraccezione.

EDUCAZIONE E FASCE DI ETÀ
Neonati e bambini
Totale dipendenza dai genitori o da chi si occupa di loro per quel che riguarda le iniezioni, l’alimentazione e il controllo glicemico.
Alimentazione irregolare e livelli di attività imprevedibili.
L’ipoglicemia è più frequente. Un’educazione alla prevenzione, il suo riconoscimento e la gestione metabolica è di importanza primaria.
Bambini in età scolare
Imparare e migliorare le tecniche di iniezione e di controllo.
Riconoscere i sintomi dell’ipoglicemia e comprendere il significato dell’autogestione.
Adattare il diabete ai programmi scolastici, ai pasti scolastici, all’attività fisica e allo sport.
Consigliare i genitori sullo sviluppo graduale dell’indipendenza del bambino e sul “passaggio di mano” delle responsabilità.
Adolescenti
Promuovere l’indipendenza e l’autogestione responsabile rapportandole al livello di maturità del ragazzo.
Discutere dei conflitti emozionali e generazionali.
Insegnare come gestire sconsideratezze alimentari, malattie, ipoglicemia, sports.
Prevedere obiettivi e priorità e assicurarsi che l’adolescente li abbia capiti e accettati.
Sviluppare strategie per gestire il passaggio alle strutture per adulti.

Nota bene: la conoscenza del diabete non coincide necessariamente con un buon controllo metabolico.
Un’educazione efficace non insegna solo nozioni, ma deve aiutare e motivare il giovane ad usare le sue conoscenze e le sue abilità pratiche per risolvere i problemi e per raggiungere una corretta autogestione.

TIPI DI EDUCAZIONE E RISORSE
Il modo di fornire l’educazione sanitaria e l’uso di mezzi educativi dipenderà dai servizi e dalle realtà locali.
Inizialmente sarà data la preferenza all’insegnamento individuale, e in vari paesi, tale insegnamento sarà supportato da linee-guida scritte e opuscoli che dovrebbero essere adatti all’età del bambino.
Il materiale per i genitori dovrebbe usare un linguaggio adatto e uno stile facilmente comprensibile (viene suggerito che sia a livello della stampa locale o di un giornale popolare).
Se possibile, andrebbero usati video, giochi al computer, ecc., purchè sotto la supervisione di un gruppo di pediatri diabetologi.
Altri mezzi educativi potrebbero essere incontri di gruppo tra giovani e/o genitori e/o altri assistenti il diabetico, recite, TV, radio o registratori, gruppi di amici o compagni di scuola, incontri tra associazioni di Diabetici e in particolare l’opportunità di partecipare a campi scuola o ricreativi.

CAMPI SCUOLA E RICREATIVI

Per molti anni, in vari paesi intorno al mondo, campi scuola e vacanze educative per giovani diabetici sono stati importanti nella cura del diabete.
All’inizio i campi scuola vennero istituiti per aiutare i bambini provenienti da famiglie svantaggiate, in seguito hanno dato prova di portare benefici, nel breve periodo, a bambini e adolescenti provenienti da tutte le classi sociali, stimolandone la capacità di autogestione, rafforzando la fiducia in sé stessi e favorendo il raggiungimento dell’indipendenza.

Non è stato possibile misurare i benefici dei campi scuola nel lungo periodo.
Gli scopi principali dei campi scuola e ricreativi sono:
Proporre una vacanza divertente per bambini diabetici in un ambiente sicuro.
Coinvolgere i giovani in una molteplicità di attività stimolanti ed interessanti per dimostrare la loro conciliabilità con il diabete.
Benefici secondari
Sperimentare l’apprendimento di tecniche sociali e pratiche.
Acquistare fiducia in sé stessi ed indipendenza; sentirsi meno isolati.
Imparare a gestire meglio il proprio diabete.
Condividere le proprie esperienze con altri giovani al di fuori dell’ambiente familiare.
Concedere ai genitori un periodo di pausa
Accrescere il valore educativo degli organizzatori e dei capi-gruppo.
Organizzazione e programmazione

Le vacanze per diabetici sono organizzate in molti modi e con obiettivi diversi, da quelli preminentemente educativi, a quelli orientati allo sport (sci, sporta acquatici,..), a quelli che insegnano tecniche pratiche ( ceramica, cucito, pittura,…) e molti altri. I campi possono essere divisi per fasce di età, per provenienza ( i partecipanti possono essere della stessa regione, dello stesso paese, possono venire da tutto il mondo); possono essere organizzati per gruppi di famiglie con bambini recentemente diagnosticati….
Tutte le vacanze devono avere la sicurezza di un programma meticoloso e preciso, linee-guida scritte, essere guidate da personale esperto e competente provvisto di un’accurata documentazione per quel che riguarda non solo la gestione del giovane diabetico (es: riduzione di insulina e aumento della razione di carboidrati nei giorni di attività intensa, l’importanza del controllo dei valori glicemici), ma anche gli eventuali problemi organizzativi inaspettati.
Alla fine del campo scuola, un colloquio approfondito tra i genitori e il personale medico aiuterà ad evidenziare i successi e gli insuccessi della vacanza affinchè il giovane diabetico possa trarre il massimo beneficio dall’esperienza fatta.



tratto da  http://www.progettodiabete.org

Ultimo aggiornamento:
Torna ai contenuti